Tecsit K-1

Categorie: Calcestruzzo
Tipologia: Prodotti in tecnologia cristallina

K-1 è un additivo impermeabilizzante per cristallizzazione per calcestruzzi da inserire al momento del confezionamento, che consente la totale impermeabilizzazione e la protezione chimico-fisica del calcestruzzo. La reazione tra i componenti chimici reattivi, dei quali K-1 è dotato, sabbia silicea, cemento portland e i composti minerali dell’idratazione del cemento e l’umidità presente nella matrice del calcestruzzo, genera una fitta rete di cristalli insolubili che sigillano i pori, capillari e microfessurazioni del calcestruzzo. La struttura in calcestruzzo additivata con K-1 diventa quindi resistente alla penetrazione dell’acqua e agli agenti contaminanti veicolati dalla stessa. Grazie ai suoi componenti attivi K-1 riattiva permanentemente il processo di cristallizzazione in presenza di acqua o umidità, rendendolo di fatto eterno. La capa cità di riparare le microfessurazioni del calcestruzzo (sino a 500 µm) è conosciuta come crack self-healing. L’utilizzo di K-1 come additivo incrementa la resistenza del calcestruzzo di ca. il 10% e la riduzione dell’acqua dell’impasto è pari al 4%.K-1 è un additivo impermeabilizzante per cristallizzazione per calcestruzzi da inserire al momento del confezionamento, che consente la totale impermeabilizzazione e la protezione chimico-fisica del calcestruzzo. La reazione tra i componenti chimici reattivi, dei quali K-1 è dotato, sabbia silicea, cemento portland e i composti minerali dell’idratazione del cemento e l’umidità presente nella matrice del calcestruzzo, genera una fitta rete di cristalli insolubili che sigillano i pori, capillari e microfessurazioni del calcestruzzo. La struttura in calcestruzzo additivata con K-1 diventa quindi resistente alla penetrazione dell’acqua e agli agenti contaminanti veicolati dalla stessa. Grazie ai suoi componenti attivi K-1 riattiva permanentemente il processo di cristallizzazione in presenza di acqua o umidità, rendendolo di fatto eterno. La capa cità di riparare le microfessurazioni del calcestruzzo (sino a 500 µm) è conosciuta come crack self-healing. L’utilizzo di K-1 come additivo incrementa la resistenza del calcestruzzo di ca. il 10% e la riduzione dell’acqua dell’impasto è pari al 4%.K-1 è un additivo impermeabilizzante per cristallizzazione per calcestruzzi da inserire al momento del confezionamento, che consente la totale impermeabilizzazione e la protezione chimico-fisica del calcestruzzo. La reazione tra i componenti chimici reattivi, dei quali K-1 è dotato, sabbia silicea, cemento portland e i composti minerali dell’idratazione del cemento e l’umidità presente nella matrice del calcestruzzo, genera una fitta rete di cristalli insolubili che sigillano i pori, capillari e microfessurazioni del calcestruzzo. La struttura in calcestruzzo additivata con K-1 diventa quindi resistente alla penetrazione dell’acqua e agli agenti contaminanti veicolati dalla stessa. Grazie ai suoi componenti attivi K-1 riattiva permanentemente il processo di cristallizzazione in presenza di acqua o umidità, rendendolo di fatto eterno. La capa cità di riparare le microfessurazioni del calcestruzzo (sino a 500 µm) è conosciuta come crack self-healing. L’utilizzo di K-1 come additivo incrementa la resistenza del calcestruzzo di ca. il 10% e la riduzione dell’acqua dell’impasto è pari al 4%.

Colori:
Rapporto catalisi Monocomponente
Rapporto miscelazione /
Applicazione /
Consumo teorico 1,0 kg/mc di CLS
Confezioni Sacchetti idrosolubili da 1,0 kg in secchi da 20 pz.
Colori disponibili Bianco

Parcheggi interrati

Opere di fondazione

Tunnel e gallerie

Opere sommerse

Dighe e sbarramenti

Vasche di contenimento acque reflue e cisterne per il trattamento delle acque di smaltimento

Piscine

Muri controterra

Ponti

Pavimenti e massetti in calcestruzzo

Download

Colori

Consulta la pagina colori, dove potrai scegliere le finiture cromatiche che preferisci, vedere le finiture Decor Style, oppure richiedere un RAL particolare

Colori

Contattaci

Lavora con noi

I nostri agenti

Iscriviti alla newsletter